Home   »   Com’è andata al lavoro? Ho fatto ridere
home  »  #facilestarbene  »  Smart  »  Com’è andata al lavoro? Ho fatto ridere
Smart
Com’è andata al lavoro? Ho fatto ridere

Come affrontare col sorriso incomprensioni, critiche, provocazioni e vivere più felici.

Un tuo collega: “Tu non mi capisci”. Tu: ”In che senso?” (Cerritelli).

Essere più simpatici in azienda sembra facile, ma lo è. Cominciamo da una domanda: ma chi ve lo fa fare a essere più socievoli e sorridenti al lavoro? Beh…gli uffici sono generalmente i posti dove si annidano conflitti, dove lo stress incombe, dove la mannaia della precarietà è sospesa sopra le nostre teste (è un quadro troppo fosco?), è proprio lì che un sorriso in più può aiutarci ad allentare le tensioni.

Com’è andata al lavoro? Ho fatto ridereE’ vero, anche battute fuori contesto e freddure (specialmente d’inverno) possono irritare, possono essere considerate irrispettose, o peggio, diventare un boomerang che ci ritorna dritto in fronte.

Eppure quando azzecchiamo una gag o un semplice aneddoto, quando strappiamo un sorriso o diciamo cose con ironia, possiamo ottenere risultati insperati e ribaltare situazioni complicate, prima che ci ribaltino.

“Scusi capo ma quando prima mi ha detto che sono un totale incapace, che l’ho delusa, che non vuole mai più avermi tra i piedi e che da domani devo cercarmi un altro lavoro…cosa intendeva comunicarmi di preciso?” (Andreone)

In fondo, saper ridere di noi stessi è il modo migliore per sdrammatizzare le nostre mille e più insicurezze. Così ho provato a scrivere qualche consiglio che potrà essere utile per migliorare e aggirare con stile situazioni imbarazzanti.

Non è nato simpatico, ma fa morire dalle risate

Vuoi far ridere seriamente? Partiamo subito da una brutta notizia: simpatici si nasce. Dai scherzo, si può anche potenziare il simpatico che è dentro di noi (batti un colpo se ci seeeeiii!!!). Mi spiego meglio: non tutti abbiamo doti innate da cabarettista. Ma per quello che ci serve non ne abbiamo neanche bisogno. E poi, non bisogna neanche essere per forza allegri e solari.

Uno-due, uno-due: iniziamo con l’allenamento

I tuoi attrezzi per la ginnastica sono le battute. Puoi cominciare ad affliggere i tuoi amici, puoi sperimentare con parenti e affini, puoi usare come cavia il tuo fidanzato/a/i/e, tranquillo non ti molleranno. Ma puoi iniziare anche con te stesso, prendendo in giro i tuoi difetti, si chiama autoironia. Non abbatterti e dì le tue battute. Coltiva il tuo spirito con dedizione, impara a pensare in maniera umoristica, sii più attento e più aperto a tutto ciò che migliora le relazioni e favorisce la comunicazione e lo scambio. Osserva i tuoi colleghi più simpatici e ricomincia: uno-due, uno-due.

Parla come badi

Vuoi sapere quali sono le migliori battute? Sono quelle che sanno a chi sono dirette. Se sto a cena con amici, esagero. Se sono in sala riunioni andrò in punta di piedi. Più sottile, più raffinato, con ironia. Non c’è bisogno di essere superman, basta essere più attenti.

Fai buon viso a buon gioco

Siamo tutti uguali nell’essere diversi. Per questo nel lavoro (come nella vita) è inevitabile entrare in conflitto. Con i colleghi e i superiori non sono incontri di box, ma spesso i conflitti si non-risolvono con la legge del più forte, spesso tendiamo a ignorarli e poi ci esplodono in mano, potenti, come na bomba e’ Maradona. Invece, una risata può aiutarci a creare un clima più disteso, mite, senza nubi e precipitazioni sparse all’orizzonte. E poi è più divertente lavorare così, non trovi?

Il buon umore vien mangiando

Tra i cibi che mettono allegria c’è sicuramente la droga…no scusate volevo dire la frutta. E’ colorata e variopinta, è fresca o secca, è gustosa in qualunque momento, perché leggera e digeribile. Mangiala in ufficio, offrila ai colleghi, fa fico e migliora le relazioni.

Un’ultima domanda: sai qual è il paese dove si mangia più frutta?
La macedonia☺

Autore
Luca

Quarantenne ex calciatore, ex donnaiolo, ex di tante cose ma con una certezza incrollabile, scrivere di tutto senza prendersi troppo sul serio.

Prodotti

Ecco alcuni prodotti selezionati per te

Per le tue ricette, per i tuoi momenti di piacere, per scoprire com’è facile star bene.

This is the privacy policy sample page.
It was created automatically and do not substitute the one you need to create and provide to your store visitors.
Please, replace this text with the correct privacy policy by visiting the Customers > GDPR > Privacy Policy section in the backend.
×

Condividi con